I Compari Pulperia a Venezia

I Compari Pulperia a Venezia Osteria veneziana, PULPERIA, Oysters Bar, cicchetti, catering a domicilio e... tanto altro!

Normali funzionamento

Arriverà ai COMPARI?
21/09/2021

Arriverà ai COMPARI?

Il proverbio giusto per questo periodo: "A San Michele l'ua xe come el miele" 🍇

I “sugoli”, un dolce che ha radici nella vita contadina.
😋
Lava bene un chilo di uva nera, quindi metti gli acini in una pentola assieme a 120 ml di acqua, metti sul fuoco col coperchio e lascia cuocere per circa 20 minuti, mescolando di tanto in tanto, finche l’uva si ammorbidisce e comincia a rilasciare il succo.
Ora passa l’uva cotta col suo sugo in un passaverdura e mescola il liquido ottenuto (un poco per volta mescolando con una frusta, così che non si formino grumi) con 100 gr di zucchero, 70 gr di farina 00 e un bacchetto di vaniglia.
Adesso fai cuocere a fiamma dolce e porta a bollore mescolando. Quando si sarà addensato come un budino di colore viola, trasferisci nelle coppette: lascia prima raffreddare e poi per un’ora circa in frigorifero a rassodare 👌

Sono arrivate le MASANETE!😜#masanete #littlecrumbs #rialtopescheria #RialtoMercatoStop #pulperia #bacaro #osteriavenezia...
14/09/2021

Sono arrivate le MASANETE!😜
#masanete #littlecrumbs #rialtopescheria #RialtoMercatoStop #pulperia #bacaro #osteriaveneziana #folpiavenezia #venice

Sono arrivate le MASANETE!😜
#masanete #littlecrumbs #rialtopescheria #RialtoMercatoStop #pulperia #bacaro #osteriaveneziana #folpiavenezia #venice

Stanno arrivandooooooo....!!!😜😜😜
10/09/2021

Stanno arrivandooooooo....!!!😜😜😜

MASANETE
👉 Le “masanete” sono le femmine di granchio. Mentre i maschi sono gli "spiantani" (che, nella fase di muta, quando cambiano il carapace e si presentano teneri e molli, si chiamano “moleche”) le femmine sono piene di uova e prendono il nome di “masanete col coral”.
Crediamo che il periodo migliore per consumare le masanete vada da ottobre a metà novembre (clima permettendo).
🦀
👉 Lava bene le masanete e lessale per cinque/sei minuti in abbondante acqua salata. Lasciale intiepidire nella stessa acqua, quindi scolale e stacca le zampe. Ora taglia il bordo del carapace, così da poter dividere a metà il corpo. Condisci con olio extravergine, prezzemolo, aglio, sale, pepe e lascia riposare prima di servire.
Un buon bicchiere di Lugana DOC 🥂

Photos from Distilleria Nardini 1779's post
25/08/2021

Photos from Distilleria Nardini 1779's post

20/08/2021

Pronto a farti conquistare da un seducente elisir? È Bitter Chinato! Ideale come aperitivo o dopo pasto. Gustalo in un Bassano-Torino e lasciati sorprendere da un Bitter unico nel suo genere… inedito, non filtrato per un gusto rotondo che ci lega al passato.

30/07/2021

Repetita iuvant 😉
👉 LA RICETTA ORIGINALE (cortesia della "Dogale Confraternita del Baccalà Mantecato).
INGREDIENTI per 4 persone:
250 gr. di baccalà (stoccafisso) già bagnato e deliscato (polpa e pelle) olio extra vergine di oliva poco profumato, alloro, limone, sale, pepe, prezzemolo tritato, polenta.
👉 PREPARAZIONE:
mettete il baccalà in una pentola, copritelo con acqua fredda leggermente salata e portate ad ebollizione. Cuocete il baccalà per circa 20 minuti con il limone e l’alloro. “Mantecate” la polpa del pesce a mano con un cucchiaio di legno o con una planetaria (in casa evitate se potete il frullatore, o proprio in caso limite usate la lama di plastica!), versando a filo l’olio e lasciandolo assorbire piano, come se fosse una maionese. Otterrete una crema compatta e omogenea, di aspetto lucido e con ancora qualche pezzo intero. La misura dell’olio dipende dalla qualità del pesce che state lavorando. Aggiustate di sale e di pepe ed eventualmente in finale la densità, con un po’ di acqua di cottura del pesce. Il piatto si guarnisce tradizionalmente con prezzemolo tritato e si accompagna a polenta fresca, oppure grigliata. Preferibilmente di mais Marano o del veneziano clone “bianco perla”.

Rivenditori di GHIACCIO a Venezia!Presso i COMPARI al mercato di Rialto...😉
30/07/2021

Rivenditori di GHIACCIO a Venezia!
Presso i COMPARI al mercato di Rialto...😉

Rivenditori di GHIACCIO a Venezia!
Presso i COMPARI al mercato di Rialto...😉

Fate parte del 10% dei migliori ristoranti del mondo.Congratulazioni a:I Compari Pulperia a VeneziaIl premio Travellers'...
28/07/2021

Fate parte del 10% dei migliori ristoranti del mondo.
Congratulazioni a:
I Compari Pulperia a Venezia
Il premio Travellers' Choice è un riconoscimento ai ristoranti che offrono continuamente esperienze fantastiche ai viaggiatori di tutto il mondo. Nell'ultimo anno le strutture vincitrici come la vostra hanno ottenuto recensioni e punteggi positivi dai viaggiatori.In quest'anno particolarmente difficile, vi siete fatti notare offrendo agli ospiti un servizio ed esperienze eccellenti. Grazie e ancora congratulazioni per il vostro meritato premio

Fate parte del 10% dei migliori ristoranti del mondo.
Congratulazioni a:
I Compari Pulperia a Venezia
Il premio Travellers' Choice è un riconoscimento ai ristoranti che offrono continuamente esperienze fantastiche ai viaggiatori di tutto il mondo. Nell'ultimo anno le strutture vincitrici come la vostra hanno ottenuto recensioni e punteggi positivi dai viaggiatori.In quest'anno particolarmente difficile, vi siete fatti notare offrendo agli ospiti un servizio ed esperienze eccellenti. Grazie e ancora congratulazioni per il vostro meritato premio

15/07/2021

Menù del Redentore
1 - BOVOLETTI

Cominciamo con una ricetta tipica che non può assolutamente mancare il giorno del Redentore.
👉 In Pescaria compra un chilo o più di bovoletti (pronuncia bovoeti), mettili a “spurgare” in acqua poco salata per un paio di ore, coprendo il recipiente se no scappano. Lavali e mettili in una pentola con acqua fredda. Ora comincia la cottura col fuoco bassissimo così i bovoletti, sentendo il calore, si sporgono dal guscio. Controlla: quando saranno usciti, alza la fiamma... un "bogio" e sono pronti da scolare, farli raffreddare e condire con un trito abbondante di prezzemolo e aglio, olio extravergine, sale e pepe. Lasciali riposare e insaporire per qualche ora, mescolando di tanto in tanto.
👉 Per toglierli dal loro guscio puoi aiutarti con uno stuzzicadenti 🍾🥂

13/07/2021

👉 Capelonghe su la grea (Cannolicchi alla piastra)‼️
Lascia i molluschi in acqua leggermente salata per un'ora circa, scola e disponi sulla piastra bollente. Cuoci i cannolicchi a fiamma alta per non più di 5 minuti. Se sono piccoli riduci i tempi di cottura a 3 minuti (altrimenti seccheranno, diventando gommosi).
Durante la cottura spolvera di pepe a piacere. Il sale è opzionale perché sono sapide al naturale 😉
Appena cotti condisci con un filo di buon olio extravergine di oliva a crudo e con aglio e prezzemolo freschi tritati finemente.
Et voilà! Un piatto semplicissimo e squisitissimo da accompagnare con polenta e un calice di Lugana DOC 🥂

Buonissima! 😉
02/07/2021

Buonissima! 😉

La sentite già? È l’essenza mediterranea di Acqua di Cedro, che sta per avvolgervi! Dal sapore pulito e rigenerante è perfetta da gustare fredda per il prossimo aperitivo con Nardini😊
https://bit.ly/AcquadiCedroNardini

26/06/2021

Canestrei al forno

👉 Come capesante in miniatura, i “canestrei” (canestrelli) sono delicati e dolci, una fresca bontà del mare. L’importante è che siano freschi: il modo per gustarli al meglio è forse quello di gratinarli leggermente al forno, per pochi minuti con la loro conchiglia.
👉 Per la gratinatura (che non deve mai sovrastare il gusto originale del mollusco!) ti consiglio di mescolare pangrattato con olio extravergine, magari profumato all’aglio, poco prezzemolo finemente battuto, un goccio di vino bianco, pochissimo sale e pepe. Mescola per ottenere un composto omogeneo.
👉 Ora, aiutandoti con un coltellino, apri le valve e lascia i molluschi attaccati alla conchiglia più concava. Lava bene in acqua corrente, elimina la “barba” e togli con cura la sabbia. Disponi i canestrelli sulla teglia e farcisci con poco composto di pangrattato, quindi in forno preriscaldato a 180° per non più di 5 minuti.
👉 Un cibo prelibato da mangiare con le mani, antesignano del super modaiolo “finger food style”, da accompagnare con allegre bollicine, per esempio un calice di Vespaiolo Spumante Doc Breganze 🍾 🥂

20/06/2021

"El bòvolo xe un pasto fin: bon par el vecio, bon par el putin."

BOVOLETTI❗
I "bòvoeti" ci accompagneranno per buona parte della primavera e per tutta l'estate nei "giri dei bacari co' un'ombra de vin bianco", fino al trionfo di questa ricetta nel giorno del Redentore.
👉 Per chi non lo sapesse, si tratta di chioccioline bianche striate di nero, che si trovano da aprile a ottobre in prossimità dei litorali, negli orti di laguna, al mattino presto dopo la pioggia. Non avendo tempo per trovarli di persona, acquistane un chilo in pescheria e procurati prezzemolo, aglio, un buon extravergine di oliva, sale e pepe.
👉 Mettili a “spurgare” per un paio d’ore in una terrina con acqua poco salata. Ora lavali in acqua corrente e mettili in una pentola con acqua fredda, quindi cuoci inizialmente a fuoco molto basso. Quando sono usciti, sala l'acqua e alza la fiamma per pochi minuti (finché non si forma una schiuma bianca). Scolali e condiscili con un battuto fine di aglio e prezzemolo, olio, sale e pepe.
👉 Lasciali riposare, anche un giorno intero, procurati qualche stuzzicadenti e mangiali in compagnia degli amici.

11/06/2021

Fasolari.
👉 Il "fasolaro" è un mollusco con forma e morfologia simili alla vongola, che vive bene nei fondali sabbiosi del Mare Adriatico. La pesca avviene a 4/5 miglia dalla costa, a una profondità che varia dai 10 ai 30 metri, viene setacciata la sabbia con sistemi a rastrello o a tubo soffiante. Quando si acquista è importante che le valve siano ben chiuse, perchè questo indica che il mollusco è ancora vivo. Ti consiglio di scegliere i fasolari più piccoli, perché più sono grandi, meno le carni saranno tenere: prima dell’utilizzo vanno lasciati in acqua con sale grosso per almeno 3 ore.
👉 Una volta "spurgati" devi aprirli con un coltello e recuperare il liquido interno. Il corallo interno rosso, va battuto per renderlo più morbido. A questo punto fai rosolare aglio e scalogno tritati in olio extra vergine d’oliva, aggiungi un goccio di vino bianco e alla fine i fasolari (se sono grandi è meglio tagliarli a pezzi). Lessa la pasta che preferisci (spaghetti perfetti) e saltala nella stessa padella del sugo di fasolari, cospargi di prezzemolo tritato. Un calice di vino Lugana DOC, splendido bianco proviene da una varietà locale del vitigno Trebbiano, il "Trebbiano di Lugana" o "Turbiana" che si sviluppa lungo la piana morenica a sud del Lago di Garda 🥂

(Foto e suggerimenti dal sito ufficiale del Mercato Ittico di Chioggia)

Granseola ai COMPARI! 😜
28/05/2021

Granseola ai COMPARI! 😜

👉 C’è stato un tempo in cui a Venezia, col “scorso” (carapace) della granseola si decoravano i piccoli specchi da borsetta delle gentildonne. Naturalmente dopo averne mangiato il delizioso contenuto, perché si hanno notizie certe che, fin dal XVI secolo, questo crostaceo era ritenuto una autentica delizia.

Granseola in "scorso suo".
Facile, ma ci vuole pazienza!
👉 Fai bollire una pentola d’acqua con qualche goccia di limone, quindi immergi le granseole e cuoci per una decina di minuti (naturalmente il tempo dipende dalla dimensione dei crostacei).
👉 Ora scolale, lascia che si raffreddino e armati di calma: dovrai liberare dalla polpa tutte le parti della granseola, zampe comprese (meglio con l’apposito strumento). Puoi servire la polpa nel guscio capovolto, con un filo d’olio extravergine e pepe macinato al momento.
👉 Abbinamenti consigliati dalla Federazione Italiana Sommelier FISAR: Alto Adige Sauvignon, Collio Malvasia Istriana, Verdicchio dei Castelli di Jesi. Volendo rimanere in Veneto: Soave Classico DOC 🥂

Mangiare a Venezia in modo originale!!!😜
25/05/2021

Mangiare a Venezia in modo originale!!!😜

Mangiare a Venezia in modo originale!!!😜

23/05/2021

CREMA FRITTA ALLA VENEZIANA
Mescola bene sei tuorli d’uovo con 200 gr. di zucchero, quindi aggiungi 250 gr. di farina bianca e la scorza grattugiata di un limone. Ora, sempre mescolando, versa poco alla volta un litro di latte. Scalda sul fuoco medio finché la crema non si sarà rappresa e, quando comincerà a bollire, toglila dalla fiamma e versala stendendola su un piano unto d’olio. Quando si sarà raffreddata, tagliala e impanala passando prima nell’albume sbattuto e poi nel pangrattato. Friggi le tue creme in abbondante olio e servile con una spolverata di zucchero a velo.

Il nostro FOLPO...😜
21/05/2021

Il nostro FOLPO...😜

Il nostro FOLPO...😜

27/04/2021

Dall'archivio di Veneziani a Tavola:

“No gh'è a sto mondo no più bel biscotto, più fin, più dolse, più lisiero e san per mogiar nella cìcara o nel goto del Baìcolo nostro venezian”.
😊
Dal “Dizionario del dialetto veneziano” del 1829, ecco la descrizione che Giuseppe Boerio dà del baicolo: “Pasta reale condita di zucchero, spugnosa, biscottata, che s’inzuppa nel caffè o simili bevande. Dicesi baicolo per similitudine, benché grossolana, alla figura dei piccolissimi cefali, chiamati appunto Baicoli”.
I baìcoli sono i nostri biscotti veneziani, sottili fette tagliate da un panetto dolce, ma la lavorazione è lunga e per niente facile, con doppia lievitazione e cottura. Allora io li compro già fatti e confezionati, magari nella tradizionale scatola gialla di latta e me li mangio con lo zabaione o la crema di mascarpone.
Se vuoi provarci, ecco la ricetta che ho “rubato” per te!

👉 Ingredienti: 500 g di farina bianca, 50 g di b***o, 50 g di zucchero, 15 g di lievito di birra, 1 uovo, latte, sale.
👉 Preparazione: Versa la farina sulla spianatoia e mescola con lo zucchero, fai la conca ed incorpora il b***o ammorbidito, poi l'albume montato a neve, il lievito sciolto in poco latte tiepido ed un pizzico di sale. Lavora il composto amalgamando poco latte, quanto basta per ottenere una pasta consistente
👉 Copri la pasta con un canovaccio e lasciala lievitare per un paio d'ore. Dividi la pasta in quattro o cinque panetti di forma allungata, che disporrai sulla placca del forno imburrata, lasciando spazio sufficiente fra l'uno e l'altro; lascia lievitare per circa un'ora e mezza. Fai cuocere in forno caldo, a fuoco abbastanza vivace, per dieci-quindici minuti. La pasta dovrà colorirsi leggermente senza fare la crosta.
👉 A cottura ultimata, lascia raffreddare e riposare per almeno due giorni, quindi affetta i dolci come se si trattasse di salami. Le fettine dovranno essere molto sottili e sbieche; le farai biscottare lievemente in forno caldo.

(ricetta da: cookaround)

16/04/2021

CAPELONGHE SALTAE❗
Cappelunghe, ovvero cannolicchi saltati in padella: sfiziose accompagnate da fette di pane tostato passate con l'aglio e un filo di buon olio evo.
Ingredienti: molti cannolicchi, una spruzzata di vino bianco secco, abbondante prezzemolo tritato, due o tre spicchi d'aglio in camicia, olio extravergine di oliva e pepe bianco q.b. (per favore non usare il limone!).
😋
Lascia in acqua e sale i molluschi per almeno mezz’ora e poi sciacquali bene.
👉 In una padella, scalda l’aglio nell’olio e toglilo quando imbiondisce. Versa le cappelunghe, una spruzzata di vino e fai cuocere col coperchio per 3-4 minuti (la cottura prolungata le rende gommose). Si apriranno rilasciando il loro ottimo “brodetto”. Condisci col prezzemolo e il pepe.
👉 Mangiale calde... a portata di mano una bottiglia di Prosecco 🥂

24/03/2021

Dall'archivio di Veneziani a Tavola: "Garusoli" (pronuncia garùsoi).

Il murice ("garusolo", per noi veneti) un tempo forniva la base da cui si otteneva la colorazione della porpora. Viene pescato con reti da traino sui fondali fangosi dell'alto Adriatico, è un mollusco gasteropode carnivoro che assomiglia a una grossa lu**ca (così viene spesso chiamato "lu**ca di mare").
😋
I "garusoli" sono semplicemente squisiti: dopo averli ben lavati, falli bollire per 15/20 minuti circa. Ognuno si destreggerà a estrarre il mollusco dalla conchiglia, magari con l'aiuto di uno stuzzicadenti. Oppure, se hai invitati di riguardo, tirali fuori e condiscili con un intingolo di olio extravergine, battuto di aglio e prezzemolo, qualche goccia di limone. Si possono anche fare col pomodoro "in umido", ma a Venezia si usa molto poco.

(La foto è di Davide Rizzo)

Polpetti-AMO con tonno...con sarde... e carne al sugo!😜😋🤪Vi aspettiamo x asporto anche di domenica!
20/03/2021

Polpetti-AMO con tonno...con sarde... e carne al sugo!😜😋🤪
Vi aspettiamo x asporto anche di domenica!

Polpetti-AMO con tonno...con sarde... e carne al sugo!😜😋🤪
Vi aspettiamo x asporto anche di domenica!

18/03/2021

The Rialto Bridge, Venice - 3 boys in foreground, 2 of them have baskets on their heads. (c1929)
(photographic print on stereo card : stereograph - copyrighted by the Keystone View Co.)

È sempre importante avere nuovi punti di vista... oggi più che mai!!!Avete trovato I COMPARI nella mappa?!😜Sempre pronti...
17/03/2021

È sempre importante avere nuovi punti di vista... oggi più che mai!!!
Avete trovato I COMPARI nella mappa?!😜
Sempre pronti x l'asporto!

È sempre importante avere nuovi punti di vista... oggi più che mai!!!
Avete trovato I COMPARI nella mappa?!😜
Sempre pronti x l'asporto!

Indirizzo

San Polo,255 Rialto Mercato
Venice
30125

Orario di apertura

Lunedì 08:00 - 15:00
Martedì 08:00 - 15:00
Mercoledì 08:00 - 15:00
Giovedì 08:00 - 15:00
Venerdì 08:00 - 15:00
Sabato 08:00 - 15:00

Telefono

+393292183540

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando I Compari Pulperia a Venezia pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta L'azienda

Invia un messaggio a I Compari Pulperia a Venezia:

Video

Ristoranti nelle vicinanze


Altro Ristorante di pesce Venice

Vedi Tutte

Commenti

Come finire bene una giornata a Venezia? I Compari Pulperia a Venezia 🖤
Restiamo a casa 🏠 A dopo 🐙❤️
Friday for fishes.... super delicious!!!
Oggi da "I Compari" ci si diverte con le bolle 🎉🎉🎉😊😊😊
Sempre perfetto. I folpi sono un mito